HOME / Master / Piero Castiglioni Works / Italia | San Giovanni Rotondo | Foggia | Santuario di San Pio da Pietrelcina

2004 | Italia | San Giovanni Rotondo | Foggia | Santuario di San Pio da Pietrelcina

La Chiesa dedicata a San Pio a San Giovanni Rotondo, è stata concepita per poter ospitare un numero sempre crescente dei fedeli in pellegrinaggio. L’edificio progetto dell’ Architetto Renzo Piano, ospita fino a 6500 fedeli, mentre un grande spazio aperto comunicante con l’aula liturgica consentirà ad altre 30 mila persone di assistere alle cerimonie religiose. In questo modo lo spazio interno si fonde con quello esterno. Dal sagrato si può ammirare in tutta la sua imponenza l’arco principale della chiesa. Si tratta dell’arco in pietra più grande del mondo, con una larghezza di 45,80 meri e un’altezza massima interna di 15,70 metri.

Progetto architettonico

Alla chiesa si accede attraverso un viale pedonale largo otto metri, rettilineo, affiancato da un doppio filare di cipressi, ai cui lati sono sorti terrazzamenti di aree a verde attrezzate per la sosta e il riposo dei pellegrini. Al termine di questo percorso si trova una grande croce in pietra di Apricena, composta da 70 conci. Il sagrato è a forma triangolare con pendenza verso l’interno dell’aula liturgica e si ricongiunge con il sagrato storico del Santuario “Santa Maria delle Grazie”.  Il grande complesso ospita opere di artisti quali Domenico Palladino, che ha realizzato il portone in bronzo dell’ingresso liturgico; Giuliano Vangi che ha realizzato l’ambone e Arnaldo Pomodoro che ha realizzato la croce in bronzo dorata sospesa sull’altare, illuminata da un cono di luce diurna che filtra da un’apposita apertura della copertura.

Progetto illuminotecnico

Il progetto illuminotecnico sottolinea questa connessione tra ambienti esterni ed interni. L’illuminazione è diffusa, con apparecchi a sospensione che creano una sorta di ribassamento delle volte. Un taglio di luce forte sull’altare concentra l’attenzione sull’officiante. Nella notte la chiesa è illuminata con proiettori al suolo e dalla luce che esce dalla vetrata. La grande croce, il muro del viale di accesso, le campane segnalano lontano il luogo. Tra i progetti dei luoghi di culto dello Studio di via Presolana 5 ci sono la Chiesa di Santa Maria Rossa a Milano, l’Abbazia di Viboldone e tanti altri.

Team members:
Architetto Renzo Piano


Foto courtesy:
iGuzzini Lighting

Altri Progetti Master

Museo d'Orsay, l'architettura diventa un grande dispositivo di illuminazione, i riflessi delle lampade su pareti e soffitti creano una luce uniforme senza ombre. Gruppi di proiettori a Palazzo Grassi ricordano un piccolo campo da calcio. Qui nasce un nuovo tipo di dispositivo di illuminazione, lampade con riflettore e supporto articolato danno vita al "Cestello". Spas Na Krovi è il perfezionamento del progetto di Mantova. L'aggregazione dei fasci di luce consente la riduzione delle dimensioni del dispositivo e il controllo di dispersione della luce.

MENU