Lighting Designer, ovvero chi crea il dialogo fra luce e ombra

C'è una bellissima frase: "La luce crea l'atmosfera, la luce crea la sensazione di uno spazio, la luce è anche l'espressione della struttura". Beh, non sono certo parole mie e neanche di un lighting designer, questa frase è di Le Corbusier, un famoso architetto. In uno dei suoi bellissimi edifici - la cappella di Notre Dame du Haut, Ronchamp – mette in pratica questo concetto, utilizzando il rapporto tra luce e ombra. Credo non esista una buona illuminazione che sia salutare per il nostro benessere, se non teniamo conto del dialogo tra luce e ombra.

Come illuminiamo i nostri progetti? Un lighting designer usa codici e standard che indicano come dovrebbe essere la luce, sia dal punto di vista dei lux che dell'uniformità. È così che creiamo un'illuminazione uniforme, in una griglia regolare di lampade. Questo non significa che non si debbano rispettare le normative di illuminazione, anzi rispettarle sì, ma con un occhio critico. Il lighting designer nell'elaborazione dei suoi progetti di illuminazione deve cercare di rendere partecipi maggiormente tutti i soggetti coinvolti. Noi possiamo veramente mettere in connessione persone e progetto?

Marco Petrucci - Lighting Designer
Marco Petrucci, nasce nel 1982, consegue la Laurea in Disegno Industriale presso La Sapienza di Roma e un Master di primo livello al Politecnico di Milano, in Design e tecnologie della luce.
Piero Castiglioni - Lighting Designer
Il metodo del lighting designer Piero Castiglioni è caratterizzato dalla libera associazione del progetto nel suo contesto, senza preconcetti. Le idee nascono dalla necessità.
Isgro Exhibitin - Lighting Design
Con sede a Milano, lavora su commissione. Si prega di scrivere a info@petruccimarco.it o visitare il profilo Linkedin. Immagine: 2016 Italia, Milano, Palazzo Reale, Mostra Emilio Isgrò.

Lo Studio illuminotecnico di Via Presolana

Lo Studio nasce a Milano con Livio Castiglioni. Tra gli anni Trenta e gli anni Settanta nel laboratorio-magazzino-ufficio, Livio si occupa di design. Come un alchimista moderno gli strumenti di lavoro sono: registratori a bobina, trasformatori, lampade, matasse di cavi, amplificatori, altoparlanti. Dalle radio e televisori alle lampade e sistemi di illuminazione, attraverso dimensioni immateriali come la luce e il suono, sperimenta le relazioni tra il visibile e il non visibile. A fine anni Sessanta, con l’arrivo in studio del figlio Piero inizia una prima produzione artigianale couturière di apparecchi di illuminazione. Vengono assemblate lampade alogene e componenti semilavorati secondo le richieste di progetto. In questi anni il laboratorio vede la nascita della progettazione illuminotecnica.

Dettagli degli apparecchi illuminanti dello Studio
Dettagli degli apparecchi illuminanti dello Studio

Lo studio di via Presolana, dopo oltre Cinquant’anni, continua a collaborare con architetti nazionali e internazionali. L’attività prosegue nel lavoro di progettazione della luce per spazi museali, teatri, esposizioni, headquarter, retail, design, mantenendo fede all’impostazione di un design della luce che si integra con la dimensione dello spazio, dell’architettura e delle sue funzioni: la giusta luce per il giusto compito visivo. Non ci sono parametri fissi, ogni progetto è sempre diverso.

Building

La luce è l'elemento fondamentale per dare forma e funzione agli ambienti. Il lighting designer nel progetto studia la luce adattandola al luogo o al genere di attività, affinché possa soddisfare le esigenze del committente. Attraverso la modulazione dei livelli di illuminamento, si riescono a creare diversi scenari: un aeroporto avrà bisogno di alti valori di luce per favorire la concentrazione e l'attenzione del fruitore; un'abitazione invece necessiterà di valori di luce adatti a favorire tanto il relax quanto le altre attività domestiche.

Museum 

In un museo la luce dovrebbe essere messa al servizio dell'unica protagonista: l'opera d'arte. Il lighting designer utilizza la luce come lo strumento per esaltare i giochi di ombre e accompagnare lo spettatore nella lettura quanto più fedele possibile dell'opera. La luce in questi casi ha dunque la funzione di valorizzarne i dettagli mantenendo al contempo la visione architettonica d'insieme. Nella sezione musei sono presenti progetti di esposizioni temporanee, permanenti e progetti di musei a cielo aperto.

Design

La crescente richiesta di sorgenti performanti a LED, ha portato il lighting designer a una meticolosa progettazione di lampade che, in base alla loro funzione, oltre a migliorare il comfort, sono proiettate verso il risparmio energetico. Il design innovativo fonde materiali classici con quelli di nuova generazione e sfrutta a pieno gli apparecchi che diventano parte integrante del progetto architettonico. Un attento utilizzo di sorgenti alogene, oramai in disuso, può diventare per il lighting designer una valida alternativa a tecnologie più avanzate.

Headquarter

Il dialogo tra la luce naturale e artificiale contribuisce a dare armonia ed equilibrio agli ambienti, siano essi ricreativi o lavorativi. L'illuminazione di una hall o di una sala riunioni richiede uno studio apposito per dare vita alla funzione specifica. L'intensità luminosa varia e lega gli ambienti in modo coerente e continuo: ogni area è a se stante e al contempo connessa alle altre. Requisito indispensabile per il lighting designer in questi progetti è il rispetto dei parametri di qualità certificati dal LEED.

Palace

La luce sottolinea i dettagli architettonici dei prospetti, scolpendone i volumi, catturando l'interesse e trasmettendo emozioni. Il progetto di illuminazione di una facciata richiede al lighting designer un'attenta analisi che tenga conto, in alcuni casi dei vincoli dei beni culturali o dell'energia a disposizione, in altri dell'inquinamento luminoso, pur conservando sempre una sensibilità estetica che aggiunga valore al contesto urbanistico. In questa sezione sono presenti progetti di illuminazione architetturale.

Retail

L'illuminazione della vetrina di uno showroom contribuisce in modo decisivo a catturare l'attenzione del potenziale cliente. Una modulazione flessibile della luce consente di gestire in libertà i vari allestimenti; la scelta della resa cromatica esalta i prodotti nei suoi materiali e colori. Il lavoro del lighting designer è fondamentale a incrementare le vendite e a valorizzare la cultura del brand. In questa sezione oltre a progetti di showroom, vi sono a pieno titolo anche i progetti di illuminazione degli yacht.

Collaborations

News

Questa sezione è dedicata al design, alla storia dell'architettura e al mestiere del lighting designer. Cercheremo con l'analisi storica di capire i bisogni attuali e quali saranno gli obiettivi futuri. Inoltre parleremo dei concorsi come porte di accesso al mercato del lavoro, delle associazioni di settore e dell'indotto reale che sta dietro le multinazionali produttrici di lampade.

Cini Boeri Autoritratto

I Grandi Maestri | Cini Boeri

I Grandi Maestri | Cini Boeri Cini Boeri (autoritratto) “Mi hanno sempre interessato le persone e i loro comportamenti. Sono una grande osservatrice, quando progetto mi piace entrare in sintonia con i…
Primo piano di Ingo Maurer con degli occhiali con i bulbi della lampadina

I Grandi Maestri | Ingo Maurer

I Grandi Maestri | Ingo Maurer Ingo Maurer (autoritratto) "Senza correre rischi, senza impegnarsi con oggetti che non corrispondono esattamente all’idea consolidata di bellezza, le nostre idee non cresceranno e la qualità…
MENU