HOME / Master / Piero Castiglioni Works / Milano | Castello Sforzesco | Gianni Versace – L’abito per pensare

1989 | Italia | Milano | Castello Sforzesco | Gianni Versace – L’abito per pensare

“L’abito per pensare”, mostra allestita nel 1989 nella sala della Balla del Castello Sforzesco di Milano. Gianni Versace ha proposto se stesso, la propria storia e le proprie collezioni in una grande mostra antologica affidando il progetto a Gianfranco Cavaglià. Nicoletta Bocca e Chiara Buss hanno curato l’allestimento, Piero Castiglioni si è occupato della progettazione illuminotecnica mentre Heinz Waibl ha redatto il progetto grafico della mostra. La Sala della Balla ha forma rettangolare, soffitti alti 10 metri, grandi finestre diffondono la luce diurna e una sola porta serve l’ingresso e l’uscita. Per la mostra, le finestre sono state chiuse e una passatoia indica il percorso unico per i visitatori; mentre, in ogni singola sezione grandi titoli forniscono alcune informazioni generali. Al fine di evidenziare la carriera di Versace, la mostra si articola in ordine cronologico in sei parti distinte.

Sezione 1: “L’utopia del passato” mostra sia gli abiti della madre sarta di Versace sia i primi anni delle linee di prêt-à-porter progettate per Callaghan, Genny e Complice.

Sezione 2: “Il capolavoro sconosciuto” sottolinea come, nonostante le apparenti variazioni stagionali della moda, esista una continuità e coerenza di stile e design tra una collezione e l’altra. Alte quinte a forma trapezoidale allungata scandiscono il percorso, rendendo così possibile il controllo e l’illuminazione di accento su ogni singolo abito. Per garantire che ogni abito sia illuminato da fasci paralleli e senza ombra, una rete metallica è stata appositamente fissata al pavimento per eliminare ogni possibile proiezione al suolo.

Sezione 3: “La mise en scene” dedicata al teatro e alla moda, è illuminata con effetti cinetici, luce in movimento per accentuare le caratteristiche dei costumi presenti sul proscenio. Apparecchi teatrali creano effetti di luce alternata frontale, di taglio, di ribalta, di quinta luminosa, per permettere agli abiti – personaggio di vivere con tutto il fascino del palcoscenico. Una finestra di luce, proiettata sul fondale, mutevole per intensità aggiunge profondità e larghezza agli spazi piuttosto costretti, magia e temporalità ai costumi.

Sezioni 4/5/6 : dedicate all’ alfabeto stilistico di Versace, abiti e connessioni culturali. L’architetto Piero Castiglioni, ha collaborato con altre icone della moda, come il progetto Jil Sander Showroom, Christian Dior Couture, Frette Showroom, Loro Piana Showroom, Viktor & Rolf Showroom e tanti altri.

Team members:
Architetto Gianfranco Cavaglià


Foto courtesy:
Piero Castiglioni

Altri Progetti Master

Museo d'Orsay, l'architettura diventa un grande dispositivo di illuminazione, i riflessi delle lampade su pareti e soffitti creano una luce uniforme senza ombre. Gruppi di proiettori a Palazzo Grassi ricordano un piccolo campo da calcio. Qui nasce un nuovo tipo di dispositivo di illuminazione, lampade con riflettore e supporto articolato danno vita al "Cestello". Spas Na Krovi è il perfezionamento del progetto di Mantova. L'aggregazione dei fasci di luce consente la riduzione delle dimensioni del dispositivo e il controllo di dispersione della luce.

MENU